Contenuto principale

Messaggio di avviso

Cerano, Giuslino e Veglio.

L'origine di Cerano è considerata da molti studiosi risalente al periodo etrusco - romano e l'etimologia del nome deriva da Caeres (Cerere, Dea delle messi), forse per la fertilità del territorio pianeggiante. L'area urbana ebbe inizialmente un impianto a scacchiera.
Entrando in Cerano, da Castiglione, si nota la Cappellina del Riscè, sull'antica mulattiera, con il graffito della Colomba della Pace (1965) di H. Paratte, Poco dopo è segnalata la Corte Comitti, verbale testimonianza di una antica cortes longobarda con comittis (legati imperiali) ed ancora resti di costruzioni medioevali con una tesa scolpita, in pietra rossa, risalente al periodo alto medioevale. Una bella costruzione ad arcate in tufo reca un graffito e la scritta: "io Lucio Cometti feci 1666". Più avanti spicca in posizione dominante la Casa Pinchetti, in sasso, datata 1608 sul travone sopra l'ingresso, ove ha sede il privato Museo dello Stucco e della Scagliola (1990). Su un vasto giardino si affaccia la grande Casa Cassarini (ex convento del sec. XVIII) con finestre decorate e collegata da un ponte a Casa Balduzzi.

frazioni satellite

Vista delle tre frazioni dal satellite